marche

Cose da fare nelle Marche

Le Marche, caratterizzate da una morfologia piuttosto varia, sono considerate a buon diritto una delle più belle regioni d’’Italia. Basti pensare che, qualche tempo fa, la prestigiosa rivista statunitense Aarp non ha esitato a definirle “la nuova Florida”, ritenendo che si trattasse di uno dei posti al mondo che merita di essere visitato almeno una volta nella vita. Tra mare (che presenta sia una costa scogliosa che sabbiosa), laghi, borghi medievali, distese collinari, parchi naturali e Appennini, si tratta, infatti, di un luogo di armoniosi e suggestivi contrasti in grado di ammaliare il turista. Scopriamo insieme cosa fare nelle Marche e quali sono i principali luoghi di interesse.

Mare e borghi antichi

Coloro che amano il mare cristallino non potranno fare a meno di visitare la rinomata riviera del Conero, il tratto di costa caratterizzato da falesie, grotte e insenature dalla bellezza mozzafiato; il luogo ideale, dunque, per coloro che amano fare snorkeling in un contesto suggestivo e ricco di flora e fauna marina. Le spiagge della riviera, rocciose e selvagge, sono sormontate da alture ricche di vegetazione lussureggiante. Questo tratto di mare, lo ricordiamo, è stato più volte insignito della Bandiera Blu, il riconoscimento internazionale conferito alle migliori spiagge.

Gli amanti della vita mondana, invece, possono optare per le super attrezzate spiagge di Senigallia e Pesaro, caratterizzate da vaste distese di sabbia e da stabilimenti balneari muniti di ogni confort.

Le Marche, inoltre, sono ricche di pittoreschi borghi medievali, che consentono al visitatore di immergersi in atmosfere passate, grazie anche alle numerose rievocazioni storiche che si tengono in diversi periodi dell’anno. Tra gli altri segnaliamo il bellissimo borgo di Grottammare, incastonato tra il verde delle pinete e il mare. Ogni anno, nel periodo natalizio, l’intero borgo si trasforma in un presepe vivente. Molto bello anche il Borgo di Corinaldo, celebre per la “Contesa storica del pozzo della polenta”, che si tiene ogni terzo fine settimana di luglio.

Montagne e Parchi naturali

Anche l’area montana delle Marche, costellata di parchi e riserve naturali, non deluderà il turista che potrà godere di paesaggi dalla suggestiva bellezza e potrà effettuare camminate all’aria aperta rigeneranti e salutari. Si pensi, ad esempio, al Parco dei Monti Sibillini e del Monte Conero, alla riserva di Torricchio e di ripa Bianca o ancora al Parco Sasso Simone e Simoncello. Gli amanti delle attività outdoor non avranno che l’imbarazzo della scelta: è possibile, infatti, praticare una vasta gamma di attività, come le seguenti:

1 – escursionismo

2 – equitazione

3 – ciclismo

4 – canyoning

5 – golf

Si tratta, in altri termini, di una regione dove è davvero impossibile annoiarsi!

Hotel nelle Marche

Ricordiamo infine che sul portale turistico www.goodmarche.com è possibile trovare numerosi hotel nelle Marche dove poter prenotare un piacevole soggiorno. Le strutture ricettive di questa regione, infatti, si caratterizzano tutte per l’estrema accoglienza del personale e per un elevato livello di confort delle stanze.

allarmi-wireless

Le caratteristiche degli allarmi wireless

Conoscere le caratteristiche degli allarmi wireless è il modo più semplice ed efficace per individuare l’antifurto più adatto alle proprie esigenze, sia dal punto di vista dei costi che dal punto di vista degli obiettivi che si è intenzionati a raggiungere. Le statistiche in proposito rilevano che in quattro casi su cinque un impianto antifurto viene installato in un’abitazione solo in seguito a un tentativo di intrusione o a un furto: il che costituisce, nella maggior parte dei casi, un errore, in quanto si compie una valutazione non oculata ma basata sull’impatto emotivo del momento.

Prevenire, però, è meglio che curare: meglio dotarsi di un antifurto in anticipo invece che aspettare che succeda un imprevisto per poi correre ai ripari. Il sito www.antifurtocasa.info rappresenta, in questo senso, un punto di riferimento che è consigliabile tenere in considerazione, anche per avere una panoramica completa ed esaustiva delle proposte che il mercato mette a disposizione, non solo per ciò che concerne gli allarmi wireless. Ciò non toglie che i sistemi senza fili presentino diversi vantaggi, in quanto non richiedono l’esistenza di un impianto filiare, vale a dire un sistema di canaline all’interno delle quali far passare i diversi cavi.

Come proteggere la propria casa con gli allarmi wireless

Prima di procedere alla scelta del sistema di sicurezza che si reputa più in linea con le proprie necessità, può rivelarsi utile compiere una mappatura dell’edificio che si intende proteggere, anche per scoprire quelle che possono essere reputate le aperture più vulnerabili e, in un certo senso, pericolose, esposte più delle altre al rischio di effrazioni. Tenendo sempre conto del budget di cui si può disporre e della somma che può essere investita, non bisogna lasciarsi attirare dagli investimenti eccessivamente convenienti, dal momento che nella maggior parte dei casi le soluzioni poco costose si dimostrano anche poco efficaci. Ecco perché è consigliabile prendere in esame le peculiarità e le funzioni che contraddistinguono gli impianti, per una valutazione a 360 gradi.

Gli antifurti wireless basano il proprio funzionamento sulla cosiddetta centrale, che non è altro che il cuore degli impianti: il software della centrale si occupa di smistare e di gestire le informazioni che i componenti del sistema inviano e ricevono. Per esempio, nel caso in cui si verifichi un’intrusione, viene trasmesso alla sirena un segnale che viene inviato anche al combinatore GSM, il quale poi contatta il proprietario dell’edificio per avvertirlo. Le centrali senza filo sono munite anche di un display e di una sirena interna, oltre che di una tastiera tramite la quale l’antifurto può essere disattivato o attivato a seconda delle circostanze.

Le centrali degli antifurti senza fili propongono un sistema di anti-manomissione, a tutela della sicurezza dei dispositivi: ciò non toglie che sia comunque meglio posizionarle in zone nascoste o difficili da trovare per gli eventuali malintenzionati.

case-costruzioni-roma

Nuove case in costruzione a Roma Eur

Anche nel quartiere di Torrino Mezzocammino Progedil 90 sta costruendo nuove case pensate per soddisfare ogni tipo di esigenza: a pochi passi dall’Eur, ville e appartamenti di tipologie differenti saranno disponibili in un contesto all’avanguardia, decisamente rispettoso dell’ambiente circostante. Con un occhio alle aree verdi e alla loro manutenzione, ma anche con la massima attenzione per la viabilità ciclabile e pedonale, Torrino Mezzocammino è la zona perfetta per andare a vivere se si desidera avere a disposizione infrastrutture e servizi di ogni genere, dagli uffici ai centri commerciali, passando per le scuole. Un quartiere in cui la densità abitativa è limitata ma dove, al tempo stesso, c’è un gran numero di aree sportive, di giardini, di parchi, di parcheggi e di strade.

Chi è interessato alla vendita case Roma Eur, pertanto, può optare per la palazzina di tre piani in corso di realizzazione a Torrino Mezzocammino da parte di Progedil 90: una struttura studiata in ogni dettaglio per rispettare le norme più recenti sotto il profilo della sicurezza antisismica, con lastrici di copertura calpestabili e resi impermeabili grazie al ricorso a una doppia guaina armata al poliestere. Tanti i particolari degni di attenzione, come le tamponature in klinker o cortina e i pavimenti in gres porcellanato, che per gli esterni è di tipo antigelivo. La presenza di un portoncino di ingresso blindato con serratura di servizio è indice di sicurezza, mentre gli infissi esterni sono in alluminio o in legno, garanzia di resistenza e longevità. Degni di nota anche gli avvolgibili ad azionamento elettrico e l’impianto di produzione di acqua calda centralizzato.

Ville e appartamenti

Sempre nello stesso comprensorio residenziale, Progedil 90 propone anche degli appartamenti in villino in una palazzina a due piani, a pochi passi dalle attività commerciali: si tratta di trilocali al piano terra e al primo piano, con soluzioni progettate per favorire il massimo del comfort e, soprattutto, per offrire un conveniente risparmio economico, grazie al contenimento dei consumi di energia. Gli appartamenti al piano terra sono dotati di giardino e sala hobby, che volendo può essere adattata a due nuclei familiari, mentre quelli al primo piano vantano grandi terrazzi e un locale tecnico; tutti, comunque, sono immersi nel verde, e possono contare sulla funzionalità di un impianto a pannelli fotovoltaici capace di produrre energia elettrica. Tutti i materiali adoperati sono esenti da emissioni nocive.

Infine, per chi vuole optare per una villa, Progedil ha la soluzione giusta: a metà strada tra l’Eur e il mare, immobili dotati di vasca idromassaggio e di porte tipo tamburato in noce tanganika, con pavimenti in monocottura, portoncino blindato e finestre in legno con vetrocamera. La presenza di un impianto di teleriscaldamento consente di risparmiare energia: se a questo si aggiunge che il quartiere è impreziosito da vari giardini, da alcuni parchi e addirittura da un lago, non è difficile intuire perché valga la pena di prendere in considerazione la possibilità di trasferirsi a Torrino Mezzocammino con Progedil 90.

Cosa fare sul lago di Como

lago-comoGodersi una spa sul lago di Como è un’esperienza che vale la pena di vivere, magari dopo una lunga e faticosa – ma appagante – giornata sul Lario. Può essere un’idea concedersi un po’ di relax, per esempio, dopo aver preso parte a una gita in battello sul lago: l’ideale sarebbe il centro lago, ma poiché quello che conta è navigare vanno bene anche gli altri tratti. In effetti, chiunque giunga da queste parti non può fare a meno di dedicarsi a questa attività, un vero e proprio must, che permette di cogliere tutto il fascino del bacino lacustre proprio nel momento in cui le sue acque vengono solcate. Un’esperienza amata da tutti i turisti e, senza ombra di dubbio, unica, per non dire folkloristica, anche per merito del paesaggio da cartolina. In più, si ha l’opportunità di osservare da vicino e di apprezzare i rumori della navigazione, il suono della passerella che scivola sul pontile, le azioni dei marinai e i loro gesti rituali.

In attesa di rilassarsi in una spa sul lago di Como, insomma, una gita in battello è quel che ci vuole per scoprire uno scenario capace di lasciare a bocca aperta: è solo stando sull’acqua, passando da una sponda all’altra, che ci si può accorgere di quanto numerosi siano i borghi che si affacciano sul lago, rendendosi conto del fascino delle case e delle osterie sulle pendici dei monti. Dando un’occhiata al sito www.grandhoteltremezzo.com, per altro, non solo si può trovare una spa sul lago di Como elegante e dotata di tutti i comfort, ma si può scoprire anche un ristorante in cui cenare apprezzando le prelibatezze di uno chef come Gualtiero Marchesi.

Ma, prima della cena, non si può rinunciare al rito dell’aperitivo: e anche questo si può fare in battello! Per esempio sul Bisbino, un battello storico che è stato ristrutturato di recente e che è attraccato proprio in quel di Tremezzo. Salire a bordo di questa imbarcazione gloriosa e affascinante è un privilegio di cui pochi possono godere, anche perché è situato in una collocazione speciale, proprio al di sotto dei giardini della famosa Villa Carlotta. Chi ne ha la possibilità dovrebbe venire qui, dunque, in occasione del periodo in cui le azalee fioriscono, per osservare un panorama eccezionale, proprio di fronte al promontorio su cui sorge Bellagio. Sorseggiare un calice di vino su un pontile, mentre ci si lascia cullare dalle onde, è un piacere straordinario.

Infine, un’altra delle attività a cui ci si può dedicare prima di entrare in una spa sul lago di Como è una rilassante e affascinante passeggiata a bordo lago: è camminando, infatti, che si possono cogliere i dettagli che di solito sfuggono, ammirando scorci impossibili da dimenticare e notando i più piccoli particolari. Da Tremezzo a Griante si sviluppa un tratto di lungolago breve ma, proprio per questo, imperdibile, in cui si concentrano punti panoramici e ville antiche. Da non perdere Villa Margherita, Villa Carlotta, il Parco Mayer e la Chiesa Anglicana.

eternit

La storia dell’amianto

eternitAlcune curiosità

Già all’epoca dei Persiani e dei Romani si utilizzava l’amianto: pare che esistessero manufatti, stoffe e materiali incombustibili con cui si avvolgevano cadaveri da cremare, allo scopo di ricavare ceneri più pure. Sarà poi Marco Polo a sfatare questa leggenda.

Si narra, inoltre, che nel ‘600 il naturalista Boezio avesse impiegato l’amianto per preparare alcune medicine.

Risale, invece, alla fine del 1800 il primo utilizzo dell’amianto in ambito industriale e contemporaneamente l’inizio della produzione di cemento-amianto in Austria.

L’impiego dell’amianto negli anni successivi crebbe in maniera considerevole, fino ad arrivare al periodo di “boom” degli anni ’50 e ’60 che riguardò il mondo intero.

A metà degli anni ’60 cominciarono a divenire evidenti gli effetti dannosi dell’amianto: la formazione di una particolare forma di carcinoma e di una malattia polmonare cronica erano legate proprio all’inalazione delle polveri d’amianto.

Ma cos’è l’amianto? Quali sono le sue caratteristiche? E quando diventa pericoloso?

L’amianto, anche definito asbento, è un minerale naturale a struttura fibrosa, che si ottiene da rocce madri dopo macinazione e arricchimento. Si tratta di un materiale dalle tante qualità, quali: l’incombustibilità, la fono assorbenza, l’isolamento al calore, la resistenza meccanica, la resistenza all’azione di agenti chimici e biologici, l’alta flessibilità e la versatilità.

Tra le principali proprietà tecnologiche vi è proprio la consistenza fibrosa, che è però anche la primaria proprietà di rischio per l’apparato respiratorio umano.

È doverosa, quindi, distinguere tra:

  • amianto in matrice friabile: quando le fibre di manufatti e applicazioni sono libere o debolmente legate;
  • amianto compatto: quando le fibre sono legate in una matrice stabile, come nel caso del cemento-amianto.

L’ amianto friabile (che si può facilmente ridurre in finissima polvere) è il più pericoloso tra i due, in quanto la pericolosità risiede nella capacità che i materiali in amianto hanno di rilasciare fibre inalabili.

Il rilascio di fibre di amianto nell’ambiente è probabile nelle circostanze in cui il materiale è particolarmente danneggiato e friabile: correnti d’aria, vibrazioni dell’edificio oppure movimenti di macchine e persone possono indurre il distacco e il rilascio nell’aria di fibre scarsamente legate e facilmente inalabili. Il rischio di esposizione e, quindi, quello di contrarre patologie tumorali non riguarda più solo i lavoratori che operano su materiali a base di amianto, ma anche tutte le persone che vivono o frequentano gli ambienti dove sono presenti manufatti in amianto.

Le restrizioni relative all’impiego di amianto

Alla fine degli anni ’70 dalla Gran Bretagna arrivano le prime regolamentazioni europee sull’uso dell’amianto nei luoghi di lavoro.

In Italia le prime disposizioni che regolamentano l’impiego dell’amianto risalgono al 1986, anno in cui viene imposto il divieto di immettere nel mercato la crocidolite. Con il DPR del 1998 tale divieto viene esteso a tutte le tipologie di amianto utilizzate in alcuni tipi di prodotti.

Ad oggi il quadro normativo in materia di amianto è davvero ampissimo e in continua evoluzione, relativamente alle metodologie tecniche applicative circa la rimozione, ma anche agli incentivi.

Ricordiamo, però, la Direttiva 1999/77/CE che pone il divieto assoluto di utilizzo dell’amianto a partire dal gennaio del 2005 e la Direttiva 2003/18/CE che proibisce l’estrazione dell’amianto, ma anche la fabbricazione e la trasformazione di prodotti in amianto.

Per servizi di rimozione,bonifica e smaltimento eternit in totale sicurezza  è essenziale affidarsi a aziende con esperienza nel settore, come la Canovi Coperture, attiva in tutto il Nord e Centro Italia. (www.canovi.it)

Traslochi in Sardegna? Ecco a chi rivolgersi

decorato_trasloco_fai_da_teTra le tante aziende che si occupano di traslochi in Sardegna, una delle più affidabili è di sicuro Terranoa Service, che copre ogni località della regione, da Palau ad Arzachena, da Cagliari a Olbia, da Badesi a Tempio Pausania, e così via. L’efficienza e la velocità degli interventi sono le caratteristiche di maggior pregio dell’attività, che ha sede a Olbia e che può operare con la massima rapidità dappertutto, dalla Costa Smeralda fino all’Ogliastra, per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza. D’altro canto, ad avere bisogno di eseguire dei traslochi in Sardegna non sono solo coloro che sono in procinto di cambiare casa, ma anche i responsabili di magazzini e aziende che devono spostare macchinari e merci dei capannoni.

Cliccando sull’indirizzo Traslochisardegna.net si giunge sul sito di Terranoa Service e si ha la possibilità di scoprire più da vicino e di conoscere più nel dettaglio i vari servizi che sono abbinati ai traslochi in Sardegna: la disponibilità di uno staff accuratamente preparato garantisce il massimo della professionalità. Ma non è tutto qua, perché la qualità dei traslochi dipende anche dall’impiego di macchinari e di strumenti specifici, all’avanguardia sul piano tecnologico e in grado di soddisfare ogni bisogno. Si pensi, giusto per fare un esempio, a un trasloco che chiama in causa un appartamento situato all’ottavo piano di un condominio: in un caso come questo, non si può fare altro che ricorrere a una scala mobile. O, ancora, si immagini un trasloco da effettuare in un appartamento situato in fondo a un vicolo stretto in cui i camion e i furgoni non riescono a passare: anche in questa circostanza, è indispensabile adottare degli accorgimenti particolari per raggiungere lo scopo desiderato. Come si può intuire, è fondamentale eseguire un sopralluogo prima di intervenire: cosa che, ovviamente, Terranoa Service fa.

L’azienda sarda, insomma, forte di un parco attrezzi completo e ben fornito, può trasferire e spostare qualsiasi tipo di mobile, di complemento di arredo o di oggetto, che si tratti di un pianoforte, di un lampadario, di una libreria, di una credenza, di un letto, di una poltrona, di una lavatrice, di un tavolo e così via. Anche gli edifici che in apparenza sembrano impossibili da raggiungere possono essere raggiunti.

Ciò è reso possibile dal fatto che Terranoa Service si avvale di una tecnologia avanzata e, soprattutto, aggiornata tenendo conto delle ultime innovazioni, fondamentale sia per spostare le merci che per realizzare degli imballaggi perfetti da ogni punto di vista, con soluzioni che vengono studiate in anticipo e con cura per fare in modo che tutti i trasporti si rivelino sicuri, anche nel caso in cui riguardino piatti di porcellana, bicchieri di cristallo, vasi di ceramica, articoli elettronici o altri prodotti fragili. Da Santa Teresa di Gallura a Calangianus, da Porto Rotondo a Selargius, se si è in procinto di cambiare casa Terranoa Service è la risposta più adeguata e giusta a ogni domanda e a ogni ricerca.

Mc2 Saint Barth, le qualità del marchio di abbigliamento per bambini

Chi ha il desiderio di regalare ai propri figli dei capi di abbigliamento per bambini di alta qualità non può non prendere in considerazione l’idea di affidarsi al marchio Mc2 Saint Barth, che propone una linea di costumi da bagno per i più piccoli (oltre che per gli adulti) che nel giro di breve tempo ha conquistato l’attenzione degli addetti ai lavori e dei consumatori in ogni angolo del mondo. Un brand magico, quindi, capace di soddisfare le aspettative di chi indossa slip, boxer e bikini, anche perché rievoca i colori, i profumi e il divertimento dell’isola di Saint Barth (da cui il nome del marchio).

La collezione di Mc2 Saint Barth dedicata al beachweat si fa apprezzare per l’eterogeneità del catalogo, anche dal punto di vista dei colori: e se fino a qualche anno fa la palette fluo era un must, oggi sono tante le scelte a disposizione, sia per i maschietti che per le femminucce, tra stampe floreali e nuance energiche. I temi e le fantasie sono simpatici e fanno venire voglia di giocare, anche quando si tratta di teschi o temi che richiamano i pirati; ma non mancano le stampe per i più piccoli, per esempio con i personaggi Disney.

I capi di Mc2 Saint Barth permettono ai ragazzini di sentirsi eleganti e di godersi tutto il benessere di cui hanno bisogno: il merito è degli eccellenti tessuti che li caratterizzano. Anche quando si va in spiaggia, insomma, si ha il diritto di sentirsi alla moda. Insomma, per una giornata con gli amichetti in piscina, per un bel bagno al lago, per un pomeriggio in un parco divertimenti acquatico o per qualsiasi altra occasione in cui si ha la necessità di indossare dei costumi da bagno, questo è il marchio a cui fare riferimento se si è in cerca di capi che garantiscano una vestibilità eccellente.

Il miglior compromesso possibile tra la praticità e l’estetica, con colori brillanti ma mai troppo appariscenti, è il segreto alla base del successo di Mc2 Saint Barth, che per altro propone anche teli da mare e borse: avere a che fare con questo brand vuol dire immergersi – anche se solo con l’immaginazione e con la fantasia – nei mari dei Caraibi. Tra i tanti costumi da bagno a disposizione, ce n’è per tutti i gusti, con modelli più leggeri e più corti e modelli in nylon ad asciugatura rapida, senza trascurare i pantaloncini in tinta unita a metà lunghezza, perfetta per i bambini che vogliono giocare a beach volley o a beach soccer in spiaggia senza sentirsi infastiditi dai tessuti. Ecco, allora, che ci si può mettere in cerca dei capi più adatti ai gusti e alle esigenze dei propri figli, per una collezione estiva che mantiene le promesse e si rivela sempre eccezionale.

creazione siti web cagliari

La differenza tra un sito web qualunque e uno realizzato per i motori di ricerca

Hai mai provato a digitare su internet le parole realizzazione siti web fai da te?

Se proverai, noterai subito che si apriranno diverse pagine scritte da blogger o esperti del settore per la realizzazione di siti web passo dopo passo.

Pensare di poter procedere da soli con la creazione di siti web, in modo totalmente gratuito, è davvero entusiasmante. A detta di queste persone la costruzione di siti web è più semplice di quello che tutti possiamo pensare e con un po’ di impegno e pazienza, ma anche divertendosi, è possibile grazie a queste guide procedere con la realizzazione del proprio sito web.

Ecco che leggendo queste guide il primo sentimento che si prova è tanto entusiasmo, perché fino a pochi minuti prima stavi pensando che la creazione di siti web senza avere esperienza di programmazione fosse impossibile.

In una seconda fase, mentre continui a leggere la guida per la realizzazione di siti web, subentra un po’ di sconforto, perché cominci a leggere termini che magari hai già sentito, ma di cui in realtà non conosci il significato o addirittura pensavi fossero il nome in codice di qualche società segreta.

Ecco che in questa fase la costruzione di siti web ritorna ad essere un lontano miraggio. Poi dopo un po’ torni a pensare “se dicono che sia possibile realizzare da soli il proprio sito web, perché io non dovrei farcela?”

Ed ecco che il terzo sentimento che entra in ballo durante la costruzione di un sito web è l’orgoglio.

Allora ti armi di coraggio e buoni propositi e cerchi di proseguire con la creazione di siti web. Arriva il momento in cui riesci effettivamente a portare a termine uno dei tanti passaggi che hai trovato nella guida per la realizzazione di siti web e allora ti senti un dio dell’Olimpo.

Continui con la creazione del tuo sito web e pensi che alla fine ce la farai. Ma la trappola è sempre dietro l’angolo ed ecco che l’altalena dei sentimenti lascia di nuovo spazio allo sconforto. La realizzazione di siti web ti sembra nuovamente una meta irraggiungibile, cominci a pensare “ma chi me lo fa fare”, “non ci capisco nulla di informatica”, “non dovevo iscrivermi alle Magistrali” ecc.

Se davvero sei un principiante e intraprendi la strada della realizzazione di siti web tramite delle guide che promettono miracoli, potrai andare avanti con questa intermittenza di sentimenti all’infinito. Il tuo albero di Natale a confronto sembrerà statico.

Io faccio parte della categoria “principianti assoluti”, quindi soostengo convintamente la tesi del lasciar fare ad ognuno il proprio mestiere.

La realizzazione di siti web non è una passeggiata, non illudeteci.

Soprattutto se l’obiettivo è quello di dare una svolta significativa al proprio business. La costruzione di siti web cela tante insidie e solo un professionista è in grado di realizzare siti web professionali, che garantiscano degli effettivi risultati.

La creazione di siti web non è roba per tutti, servono competenze nel settore grafico, competenze in campo informatico e buone capacità per scrivere testi accattivanti e corretti. La creazione di siti web lasciamola ai professionisti.

Il recupero dati di un hard disk caduto

Una delle ragioni più frequenti per le quali un hard disk può rovinarsi e rendere inaccessibili i file che vi sono contenuti all’interno è rappresentata dagli urti conseguenti alle cadute: il recupero dati hard disk caduto è un’operazione delicata ma assolutamente possibile, che prescinde dal genere di danneggiamento meccanico con cui i dispositivi hanno a che fare. Chi fosse interessato a scoprire come recuperare i dati da un disco fisso caduto può fare riferimento a Recoveryfile.it.

Prima di scoprire come avviene recupero dati hard disk di un disco caduto è bene sapere quali sono i danni che possono derivare da una situazione del genere. La caduta di un hard disk, in teoria, può causare situazioni differenti: per esempio, la rottura del blocco testine, ma anche il danneggiamento delle superfici magnetiche. Prima di eseguire il recupero dei dati vero e proprio, bisogna lavorare sul disco per fare sì che in seguito il raid danneggiato possa essere virtualmente ricreato. Il laboratorio di Recoveryfile.it può usufruire di una clean room di proprietà nella quale procedere al recupero dati hard disk: si tratta di una camera bianca con cappe Hepa e filtri a flusso laminare in virtù dei quali è possibile purificare l’aria dell’ambiente. Perché è necessario “ripulire” l’aria? Molto semplicemente, per impedire o prevenire la contaminazione degli hard disk con particelle estranee: nel corso dell’operazione di recupero dei dati i dischi devono essere aperti, e le piccole dimensioni che li contraddistinguono fanno sì che qualsiasi particella si depositi sulle loro superfici sia in grado di danneggiarli. Non è esagerato il paragone tra una clean room e una sala operatoria di un ospedale: e, infatti, i tecnici deputati al recupero dati hard disk indossano una mascherina e dei guanti.

Chi si rivolge a Recoveryfile.it ha la certezza di poter contare sul massimo della competenza e della professionalità, che sono doti molto preziose in un contesto come questo: i tecnici chiamati a recuperare i dati che risultano in apparenza inaccessibili sono in grado di ripristinare le funzionalità dei dispositivi e dei supporti di memorizzazione, con esiti positivi nel 98% dei casi. Una percentuale di successo decisamente elevata, che presuppone una notevole soddisfazione per tutti i clienti.

Chi fosse interessato a usufruire di questo servizio può trovare, sul sito, un modulo di contatto: è sufficiente compilare il modulo relativo e aspettare di essere ricontattati nel giro di breve tempo. Basta fornire il proprio nome e il proprio indirizzo di posta elettronica, scrivendo quali sono le esigenze da soddisfare e le motivazioni che hanno indotto a contattare i tecnici. Per qualsiasi procedura di intervento, si fa ricorso unicamente ad apparecchiature professionali, grazie alle quali i dati vengono estratti in seguito alla modifica dei parametri di funzionamento dell’hard disk o sfruttando la cosiddetta emulazione. In linea di massima, nell’arco di un paio di settimane si può ritornare in possesso dei dati.

Best Store, il gestionale negozi perfetto

Chiunque abbia la responsabilità di gestire un negozio di abbigliamento o qualsiasi altro punto vendita nel settore no food è consapevole del supporto che si può ottenere grazie a un software gestionale negozi: una soluzione che permette di semplificare il lavoro di tutti gli impiegati, dal management ai commessi, e di conseguenza di aumentare la produttività, in virtù della maggiore velocità delle procedure adottate. Best Store di Autel è un esempio di tutto questo: un programma che è facile da utilizzare anche per chi non è un esperto di informatica, e che mette a disposizione un assortimento decisamente ricco di opzioni e strumenti, tale da assecondare i bisogni più diversi.

Tra le funzionalità offerte da questo gestionale negozi c’è, per esempio, l’anagrafica personalizzata: si può tenere conto sia della categoria merceologica che della profilazione dei vari tipi di punti vendita, dai pop up store ai direct shop, dagli shop & shop ai trunk show, dai duty free agli e-commerce, senza dimenticare i temporary store, gli outlet e i franchising. Inoltre, è possibile creare più profili sede per ogni area riservata, con funzionalità diverse e scalabili in funzione delle mansioni aziendali che si ricoprono: l’head office avrà accesso a sezioni diverse rispetto a quelle a cui avrà accesso il team di support retail, per esempio.

Ancora, vale la pena di menzionare il controllo dei documenti – e, quindi, dei trasferimenti, dei resi, delle vendite, degli inventari, e così via – e le funzioni di cassa, concesse a profili operatori diversi. Con Best Store di Autel dare il resto in una valuta diversa è facile immediato, così come avere più chiusure di cassa al giorno. A risentire in positivo di tutti i cambiamenti che questo software assicura non è solo chi lavora, ma anche il cliente finale, il quale viene servito più rapidamente, ottiene le risposte di cui ha bisogno nel giro di pochi secondi e può sapere se l’articolo che cerca è disponibile in modo immediato. Per altro, l’emissione di offerte promozionali, di gift card e di buoni omaggio è agevolata da una scheda del cliente finale alquanto dettagliata ed evoluta: tutte le azioni compiute dal cliente e tutti i suoi acquisti sono sempre tracciabili.

Autel Best Store è anche un utile e geniale shopping assistant: il merito è della sua interfaccia estremamente intuitiva, grazie alla quale – come si può leggere sul sito www.autel.it – i processi di vendita risultano semplificati, e i team impiegati all’interno dei negozi possono contare su un valido supporto nelle attività di cassa. Ciò si rivela estremamente vantaggioso anche per la clientela, nel senso che i tempi di risposta risultano nettamente inferiori: la disponibilità della merce, per esempio, può essere verificata in modo immediato, e lo stesso vale anche per la localizzazione dei prodotti sia nel punto vendita in cui ci si trova sia negli altri punti vendita che fanno parte della stessa catena.